Il Bonus Stradivari 2016

Lo Stato Italiano ogni tanto si ricorda che il suo popolo e’ formato anche da artisti.Cosi’ e’ stato approvato il bonus definito “STADIVARI”.Ovviamente bisogna leggere attentamente per rientrare nella categoria interessata.

Bonus stradivari 2016 sconto 1000 euro sul prezzo di acquisto nuovo strumento musicale Legge di Stabilità 2016, cos’è e come funziona a chi spetta e quando?

Il bonus strumenti musicali 2016 è un’agevolazione introdotta dal Governo Renzi con la nuova Legge di Stabilità 2016 come misura atta ad incentivare le attività culturali nel nostro Paese.

All’interno della nuova Manovra, il bonus è stato inserito nel pacchetto cultura e sicurezza, insieme ad altre iniziative importanti quali il bonus maggiorenni, ossia, la card da 500 euro riservata a tutti i giovani che compiranno 18 anni nel corso del 2016 ed il bonus borse di studio per sostenere gli studenti più bravi e meritevoli nel proseguimento del loro percorso di studio.

Vediamo quindi cos’è e come funziona il bonus strumenti musicali, a chi spetta e quando, e come fruire dello sconto di 1000 euro sul prezzo di acquisto dello strumento musicale.

 

Bonus stradivari 2016 a chi spetta?

A chi spetta il bonus stradivari 2016? La nuova Legge di Stabilità 2016 pubblicata in Gazzetta Ufficiale, ha previsto per il solo anno 2016, il bonus strumenti musicali chiamato anche bonus stradivari 2016, o bonus 1000 euro conservatorio e scuola musicale. Tale agevolazione, che consiste quindi nel poter usufruire di uno sconto di 1000 euro non eccedente sul costo dello strumento, valido per l’acquisto di un nuovo strumento musicale, spetta solo agli studenti iscritti ai corsi di strumento del precedente ordinamento e della laurea di 1° livello del nuovo ordinamento delle seguenti scuole:

  • Conservatori di Musica, e
  • Istituti Musicali Pareggiati, ossia, gli ISSM Istituti superiori di studi musicali.

 

Bonus strumenti musicali 2016 cos’è e come funziona?

Cos’è Il bonus strumenti musicali 2016? Il bonus stradivari è una misura che fa parte del pacchetto cultura approvato in via definitiva con la nuova Legge di Stabilità 2016.

L’agevolazione consiste in un bonus di 1000 euro sull’acquisto di un nuovo strumento musicale, e spetta una tantum, ossia, una sola volta, agli studenti di conservatori e Istituti musicali Pareggiati.

Come funziona il bonus strumenti? Le famiglie degli studenti interessati dalla nuova agevolazione, per fruire del bonus, dovranno rivolgersi al produttore o rivenditore di strumenti musicali, scegliere uno strumento che sia coerente con il percorso di studio dello studente, e dimostrare la frequentazione del conservatorio o dell’istituto musicale, attraverso la consegna del certificato di iscrizione.

Su tale certificato, rilasciato direttamente dall’istituto o dal conservatorio, devono essere indicati:

nome e cognome dello studente beneficiario, codice fiscale e corso di strumento frequentato. 

Questi dati servono quindi a certificare non solo che lo studente frequenti un’istituto musicale o conservatorio ma anche il tipo di strumento che può essere acquistato fruendo del bonus.

Per cui se frequenta un corso di violino, è possibile ottenere uno sconto di 1000 euro sul prezzo di acquisto, di un violino nuovo e non di una chitarra o un pianoforte, in quanto questi due strumenti non sono coerenti con il corso frequentato e quindi con il bonus strumenti musicali.

Successivamente il produttore, rivenditore, negoziante presso il quale è stato speso il bonus, viene rimborsato dei 1000 euro scontati sul prezzo di acquisto dello strumento mediante un credito d’imposta di pari importo, da utilizzare in compensazione, per al quale non sarà necessario attendere la dichiarazione dei redditi, in quanto il credito sarà immediatamente compensabile tramite modello F24 per pagare tasse, tributi o cartelle di pagamento Equitalia.

 

Da quando è possibile fruire del bonus strumenti?

Sebbene la misura sia stata approvata in via definitiva con la pubblicazione della Legge di Stabilità 2016 in GU, per dare il via al bonus e fruire dello sconto, occorre attendere ancora la pubblicazione del relativo provvedimento da parte dell’Agenzia delle Entrate.

Provvedimento che deve essere emanato entro 30 giorni dall’entrata in vigore della nuova Manovra, per cui verso la fine gennaio o l’inizio di febbraio, dovrà contenere tutte le modalità e i termini su come fruire dell’agevolazione, come comunicare e conteggiare la spesa, visto che il finanziamento del bonus strumenti è per 15 milioni di euro, oltre all’istituzione del codice tributo F24 per la compensazione del credito d’imposta da parte di rivenditori e produttori.

 

Quando e su cosa non si ha diritto allo sconto di 1000 euro?

Il Bonus strumenti 2016 è riservato solo agli studenti che frequentano corsi di strumento della laurea triennale e del vecchio ordinamento, per cui sono esclusi dall’agevolazione gli studenti di canto, composizione o di direzione, studenti di scuole civiche di musica, pre-accademici e dei bienni, come non sono agevolabili gli impianti di amplificazione e i software di musica elettronica che con molta probabilità, verranno inclusi il prossimo anno con la nuova Legge di Stabilità.

Ancora da verificare, invece, (e per questo si deve attendere al pubblicazione del provvedimento dell’Agenzia delle Entrate) se il bonus stradivari, potrà essere utilizzato anche per l’acquisto online dello strumento musicale.

 

 

Fonte articolo:http://www.guidafisco.it/bonus-strumenti-musicali-1481

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...