Il ritorno dei maestri Fates Warning

Quando una grande band torna con un disco, si provano emozioni molteplici. Nel caso dei Fates Warning, se per la prima volta leggi questo nome, ti consiglio di ascoltare e comprare tutti i loro dischi. Le parole emozione, potenza e classe sono molto legate a questo nome.

I Fates Warning hanno scritto delle pagine fondamentali per il progressive mondiale, anche se non sono stati fenomeni commerciali pubblicizzati e blasonati a differenza di altre band che suonavano lo stesso genere. Nel 1982 John Arch (voce), Jim Matheos (chitarra), Victor Arduini (chitarra), Joe DiBiase (basso), e Steve Zimmerman (batteria) fondano a Hartford, nel Connecticut, un gruppo chiamato Misfit. L’originalità non è di casa in questa prima fase: l’idea è fare heavy metal alla Iron Maiden, il nome è quasi alla lettera quello del gruppo punk capitanato da Glenn Danzig.Infatti, i ragazzi devono cambiare nome e lo fanno già nel 1983 con il loro primo demo– che esce già a firma Fates Warning – e riescono a entrare nel quinto volume della leggendaria antologia “Metal Massacre” (1984).

Nasce qui la storia di una band che ho sempre adorato, dove la stupenda voce di John Arc è sostituita da una fenomenale di Ray Alder.Gli esordi maideniani sono comunque positivi e si sente che la band ha molte capacità. Infatti, i capolavori come Perfect Simmetry, Parallels e Inside Out sono ancora perle. La musica e l’estro creativo del chitarrista Jim Matheos riescono a creare atmosfera, patos, dolcezza insieme a passaggi progressivi, dove partiture complesse riescono a fondersi nella melodia. La capacità dei Fates Warning è propria questa, comporre un progressive non elaboratissimo ma con un filo melodico emozionante. La linea ritmica composta dal batterista Mark  Zonder e dal bassista Joey Vera si costruisce sulla capacità di passare da momenti lineari ad altri più complessi. Non sono rari cambi di tempo costruiti su anticipi, controtempi e utilizzo di tempi dispari in canzoni dove apparentemente è tutto basato sulla melodia.

Ecco la discografia con qualche brano estratto:

 

  • 1984 – Night on Bröcken
  • 1985 – The Spectre Within
  • 1986 – Awaken the Guardian
  • 1988 – No Exit
  • 1989 – Perfect Symmetry
  • 1991 – Parallels
  • 1994 – Inside Out
  • 1997 – A Pleasant Shade of Gray
  • 2000 – Disconnected
  • 2004 – FWX
  • 2013 – Darkness in a Different Light

La formazione attuale e’ la seguente:

  • Ray Alder – Voce (dal 1987)
  • Jim Matheos – Chitarra (dal 1982)
  • Joey Vera – Basso (dal 1996)
  • Bobby Jarzombek – Batteria (dal 2007)

Il ritorno della band è previsto per il 1° luglio 2016 con il disco “Theories of Flight”.

 

Il nuovo singolo :

 

Bentornati maestri!

David

 

 

Fonti: sito ufficiale: http://fateswarning.com/

 

 

 

 

 

Annunci

Un pensiero riguardo “Il ritorno dei maestri Fates Warning

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...