La vibrazione del suono come origine dei monumenti in tutto il mondo antico?

Nei nostri articoli dedicati alla potenza del suono e alle sue proprietà magiche abbiamo mostrate dei collegamenti con l’antica archeologia.

Di fatto esistono dei monoliti e dei monumenti talmenti grandi e pesanti che non è accettabile e neppure logico pensare che siano stati trascinati con corde e carrucole da schiavi. C’e’ di più. La storia come ci è stata insegnata ha delle falle enormi. A conferma di ciò basta unire a livello mondiale cosa si mostra e si evidenzia nei reperti archeologici. Gli Elohim transitavano sulla terra e conoscevano le tecniche di levitazione tramite i suoni. In questo articolo di archeologia alternativa una serie di evidenze che solo l’uso del suono e della levitazione può dare un senso compiuto, logico a queste costruzioni colossali.

E se la storia del mondo come la conosciamo fosse tutta un’invenzione?

 

 Ormai da diversi anni circolano teorie archeologiche alternative, che rileggono la storia dei resti arrivati fino a noi sotto un’ottica totalmente diversa. La verità non sarà forse mai dimostrabile, ma qui ad Incredibilia ci piace lasciarci trasportare dall’idea che forse le cose che abbiamo sempre dato per scontate… siano in realtà un po’ diverse.
Comunque un dato di fatto c’è: la nostra galassia ha oltre 14 miliardi di anni, la nostra terra 4.8 miliardi di anni. Cosa sono comparati con questi numeri i poco più di 5.000 anni di storia della nostra civiltà? Se anche volessimo dar retta alle teorie alternative, che credono nell’esistenza di civiltà organizzate circa 30.000 anni fa, parliamo sempre di numeri ridicoli comparati con la storia del nostro pianeta.
Verità? Leggende? Chi lo sa. Resta il fatto che lo stesso concetto di Storia è abbastanza discutibile: più andiamo indietro nel tempo, più le fonti sulle quali si basano le più comuni informazioni scritte nei libri ufficiali sono quanto meno… nebulose. E si sa, spesso nella nebbia si possono vedere cose che non esistono, e si possono nascondere verità scomode o discutibili per i più.
Proviamo quindi a fare questo viaggio nell’archeologia alternativa, senza troppi preconcetti: se anche alcune delle cose che vedremo sono state o saranno dimostrate come “bufale”, ci saranno comunque sempre un bel po’ di cose che non tornano secondo le teorie ufficiali. E se proprio non volete dargli nessuna chance, godetevi questo viaggio come vi godete un bel film di fantascienza.

Il nostro viaggio parte, ovviamente, dall’antico Egitto.

La storia ufficiale ci racconta che le famose piramidi del Cairo sono le tombe di tre celebri faraoni: Cheope, Kefren, e Micerino.

Secondo le teorie degli egittologi più accreditati, furono costruite da schiavi circa 5.000 anni fa.

La piramide più grande, quella di Cheope, è composta da 2.300.000 blocchi di pietra che pesano dalle 2,5 alle 60 tonnellate. 60 tonnellate, per la cronaca, sono l’equivalente del
peso di 6 autocarri medio-pesanti.

Secondo la storia ufficiale questa piramide fu costruita da schiavi nell’arco di circa 20 anni.

Se facciamo due conti, vorrebbe dire che gli schiavi hanno lavorato tutti i giorni, per 7.300 giorni consecutivi, mettendo una pietra sopra l’altra ogni 2 minuti. Pietre da 60 tonnellate.

Altro dato curioso: se le guardiamo dal suo punto più alto, la punta della piramide è spostata solo di 6 millimetri rispetto alla sua base.

6 millimetri di errore dopo aver spostato 2.300.000 pietre di 60 tonnellate ad una altezza di 150 metri, 5.000 anni fa.

Per capire, nemmeno i nostri edifici più moderni hanno margini di errore di questo tipo. Anzi, siamo proprio abbastanza lontani.

Dicono che le piramidi fossero tombe.

Quando furono scoperte, gli archeologi dovettero entrare con la dinamite, trovando un sarcofago chiuso da una lastra di diverse tonnellate. Spostata la lastra, dentro era completamente vuoto. La spiegazione ufficiale? Profanatori di tombe.

Quindi in teoria questi profanatori di tombe entrarono (chissà come, visto che non c’era nessuna entrata), spostarono una lastra di pietra di diverse tonnellate (non si sa come), svuotarono il sarcofago, lo richiusero, e se ne andarono. Mmmm.

Una altro dato interessante: gli egiziani dipingevano o scolpivano geroflici dappertutto. Ma proprio ovunque. Questo tipo di dipinti vi ricorda qualcosa?

Ci raccontarono tutto della loro vita, perfino di come di facevano il bagno!

Sappiamo dei loro dei, delle loro tradizioni. Sappiamo tutto. Però, delle piramidi, non ci hanno raccontato nulla.

Ma la cosa più importante e strana: nelle piramidi non è stato trovato nessun geroglifico. Neanche uno!

Sappiamo poi che le piramidi sono allineate con la costellazione di Orione. La più conosciuta e visibile nel cielo.

Beh, le piramidi sono esattamente allineate con la costellazione di Orione, se proprio vogliamo essere precisi…

Ci dicono che le piramidi furono costruite da schiavi usando rampe, pulegge, tronchi di legno.

Sarà vero? Curioso che ancora oggi, con tutta la nostra tecnologia, ci risulta impossibile realizzare una replica esatta delle piramidi con la stessa precisione che utilizzarono gli Egiziani. Ma passiamo alla Sfinge.

Avete mai pensato a come è fatta la Sfinge?

Beh, è un UNICO BLOCCO di pietra intagliata. Come fecero per muoverlo? Non ci risulta che utiizzassero gru di questo tipo nell’antichità… e anche volendo, queste gru non basterebbero ad alzarla e spostarla.

Però secondo la storia ufficiale, questi super schiavi spostavano i blocchi di pietra come e dove volevano. Guardiamo per esempio la statua di Ramses II.

Quando la trovarono, decisero giustamente di spostarla in città per dedicarle un museo…

Però risultò che la statua era fatta di un unico blocco di pietra di 1.000 tonnellate, impossibile spostarlo senza tagliarlo a pezzetti. Decisero quindi di costruirci… il museo intorno.

Passiamo al tempio di Osiride ad Abydos. Tra le sue pietre custodisce un rompicapo forse ancora più grande.

Guardate bene questo disegno…

Non è un dipinto, anche se lo sembra. È intagliato nella pietra. O meglio, è scavato talmente in profondità che anche raschiando per diversi centimetri la pietra, rimane sempre visibile.

Come se fosse BRUCIATO nella pietra. Una tecnica ancora oggi sconosciuta, che nessuno è stato ancora in grado di spiegare e replicare.

Impossibile replicarlo ancora oggi.

E guardiamo cosa rappresenta: il cosiddetto Fiore della Vita.

Citando wikipedia, il Fiore della Vita “è una figura geometrica composta da cerchi multipli sovrapposti e composti in una simmetria esagonale, a formare una figura simile a un fiore.”

E’ un simbolo che incontriamo ovunque nel mondo. Anche Da Vinci gli dedicò alcuni studi.

Facciamo ora un salto nella Città Proibita, a Pechino.

Troviamo i cosiddetti “Leoni di Fu”. Eccoli qui.

Ma aspetta un attimo: cos’hanno sotto la zampa?

Sembra proprio lui, il Fiore della Vita…

Torniamo ora in Egitto. E’ stata da poco scoperta una città sommersa chiamata Heracleion, a largo di Alessandria. Guardate un po’ cosa è stato trovato li sotto:

Sono molte le culture che vedevano il leone come il guardiano della conoscenza.

Monumenti simili li vediamo nelle nostre città tutti i giorni, ma il simbolo ora sappiamo che deriva da una antica tradizione, e non può essere una coincidenza.

Ma spostiamoci ora in Messico, a Teotihuacan. Questa è la Piramide del Sole.

Sarà un caso che anche questa piramide insieme alle altre che fanno parte dell’incredibile santuario messicano, siano allineate alla Costellazione di Orione?

Anche le dimensioni della base delle due piramidi (di Cheope in Egitto, e del Sole in Messico) sono simili. Caso?

Com’è possibile che due culture che secondo la storia ufficiale non avevano nulla a che vedere l’una con l’altra, e che vissero in epoche diverse, costruirono monumenti semi identici allineati alle stesse stelle?

Tutt’ora un mistero. Ma ovviamente la faccenda non finisce qui: sono centinaia le costruzioni simili che si possono incontrare in diverse culture, epoche e parti del mondo. Guardiamo ai Maya (Messico) e ai Balinesi (Indonesia).

Le piramidi sono dappertutto.

Le possiamo ritrovare in qualsiasi angolo del pianeta terra. Piramidi in Cina, per esempio.

Il governo cinese ha provato in tutti i modi a nasconderne l’esistenza.

Addirittura su alcune hanno provato a piantarci sopra delle piante, sperando di nasconderle. Chissà poi perché non vogliono mostrarle al mondo…

 Anche qui in Italia abbiamo le nostre piramidi…

In Umbria abbiamo piramidi che pare siano Etrusche…

E in Bosnia, vicino a noi: dicono che sotto questa montagna ci sia anche qui, una piramide. Sara’ vero?

Molti archeologi, scienziati, investigatori affermano che si tratta di vere piramidi, altrettanti affermano che si tratta soltanto di montagne.

Quale sarà la realtà? Anche se effettivamente è strano che anche le montagne si allineano alla costellazione di Orione… Ma continuiamo. Sono state rinvenute piramidi sommerse anche in Giappone, a Yonagui.

Sono state fatte delle analisi al carbonio sul corallo che si è formato su queste costruzioni al momento in cui si sono sommerse.

Pare abbiano almeno 10.000 anni. Non sono pochini, considerato che secondo le teorie archeologiche ufficiali la prima civiltà umana ha poco più di 5.000 anni. Andiamo avanti:

Piramidi in Antartide.

Insomma, è evidente a questo punto che qualcosa di strano c’è, che i nostri libri di storia ufficiale non ce la raccontano proprio tutta.

Ma la verità verrà mai alla luce? E se ci fosse QUALCUNO che in realtà sa esattamente cos’è successo? Facciamo un salto nella Cueva de los Tayos, in Ecuador.

Nel 1984, in una località semi dispersa nella foresta dell’Ecuador, avvenne una scoperta incredibile.

Una scoperta che da allora è rimasta, ovviamente, nascosta ai più.

Sono stati trovati in questa caverna oltre 300 manufatti dall’origine alquanto misteriosa.

Questo pezzo, nella fattispecie, è anche noto come la Piramide Nera del Figlio del Creatore.

 

Annunci

Un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...