Paul O’Neill: l’uomo dei Savatage e Trans-Siberian orchestra

Paul O’Neill era la mente nascosta di molte band, come un vero mentore ha fatto scrivere molta musica che rimarrà per sempre nella storia

 

“The entire Trans-Siberian Orchestra family, past and present, is heartbroken to share the devastating news that Paul O’Neill has passed away from chronic illness.

He was our friend and our leader — a truly creative spirit and an altruistic soul. This is a profound and indescribable loss for us all.

We ask that you respect Paul’s family’s privacy now.”

 

Risultati immagini per trans siberian orchestra

 

Così titolava la pagina social della Trans-Siberian Orchestra. Paul era un personaggio sconosciuto al pubblico ma ha partecipato a dischi storici della musica heavy metal e non solo. Insieme a Jon Oliva ha scritto i più grandi capolavori di una delle band più sottovalutate del pianeta, i Savatage. Paul non era solo un produttore. Scriveva riff, produceva arrangiamenti, componeva insieme a Paul. Per non parlare del suo rapporto con altre grandissime band come gli Aerosmith, Metal Church e altri ancora.

 

 

I lavori di Paul O’ Neill

 

Aerosmith

  • 1986 – Classics Live!
  • 1987 – Classics Live! Vol. 2

Badlands

  • 1989 – Badlands

Heaven

  • 1985 – Knockin’ on Heaven’s Door

Metal Church

  • 1993 – Hanging in the Balance

Savatage

  • 1987 – Hall of the Mountain King
  • 1989 – Gutter Ballet
  • 1991 – Streets: A Rock Opera
  • 1993 – Edge of Thorns
  • 1994 – Handful of Rain
  • 1994 – Japan Live ’94
  • 1995 – Dead Winter Dead
  • 1995 – Final Bell/Ghost in the Ruins
  • 1997 – The Wake of Magellan
  • 2001 – Poets and Madmen

Trans-Siberian Orchestra

 

  • 1996 – Christmas Eve and Other Stories
  • 1998 – The Christmas Attic
  • 2000 – Beethoven’s Last Night
  • 2004 – The Lost Christmas Eve
  • 2009 – Night Castle
  • 2012 – Beethoven’s Last Night – The Complete Narrated Version

 

 I capolavori con i Savatage

Il disco Gutter Ballet dei Savatage fu un vero punto di svolta per la band. È stato il loro secondo album creato sotto la direzione del produttore Paul O’Neill. Dopo aver visto Il Fantasma dell’Opera a Toronto, Jon Oliva decise di cambiare il sound del gruppo, orientandolo sul progressivo, come si evince in canzoni quali When the Crowds are Gone e la title-track Gutter Ballet.

 

Dedichiamo queste splendide canzoni a Paul ringraziando anche lui per aver dato tanto alla musica.

 

 

 

Paul non amava la massa, le luci dei riflettori e molti dovrebbero imparare il suo atteggiamento umile nonostante abbia veramente scritto canzoni stupende senza tempo.

Paul O’ Neill

23 febbraio 19565 aprile 2017

 

 

David

Seguici anche qui

Google+

 Facebook

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...