Avicii – il depistaggio delle testate musicali

Avicii, il giovane deejay di 28 “suicidato” da pochi giorni, aveva denunciato pubblicamente con il video For a better day il movimento malsano dello star system

Il suo rapporto con i suoi produttori era incrinato ma aveva deciso di mandare lo stesso messaggi ben precisi circa il traffico di minori  e il Pizzagate

Tutte le testate italiane e oltreoceano sminuiscono il suo segnale e lo fanno passare per un povero ragazzo solo stanco e stressato

 

AVICII88

 

Prendiamo a caso una testata on line che scrive:

 

Voleva trovare la pace”. La famiglia di Avicii non entra nei dettagli, ma la seconda lettera che pubblica rivela tra le righe che il dj svedese, in qualche modo, si sia tolto la vita.

 

GUARDA ANCHE: AVICII, TUTTE LE SUE FRAGILITA’ NEL DOCUMENTARIO DI NETFLIX

Tim Bergling, in arte Avicii, 28 anni, è morto lo scorso 20 aprile a Muscat, in Oman.

“Il nostro amato Tim era un cercatore, una fragile anima artistica in cerca delle risposte alle domande esistenziali“. Questa volta i genitori e il fratello di Avicii hanno parlato della tragedia in maniera più intima.

 

Avicii aveva capito come funzionava il Pizzagate, come Chris Cornell e Chester Bennington, è stato ucciso. Ecco il video denuncia che è costato la vita al giovane ragazzo:

 

 

 

 

Onore anche a questo giovane, disonore assoluto anche ai giornalisti che si allineano tutti sulla versione più comoda della faccenda. Il Pizzagate sta arrivando al capolinea, chissà come faranno a giustificare gli arresti eccellenti che arriveranno?

 

 

David

Seguici anche qui

Google+

 Facebook

 

Fonte citata

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...