Steve Vai e i suoi dischi preferiti

Steve Vai , guitar hero conosciuto in tutto il mondo, quali dischi ama?

Quanta influenza hanno avuto nella sua carriera?

 

Il virtuoso della chitarra Steve Vai parla di album che lo ha trasformato nell’uomo e musicista che è oggi.

In un’intervista ad una rivista americana dichiara:

“E‘ interessante esaminare come la musica agisce su di noi per tutta la vita”, dice maestro compositore e musicista Steve Vai. “Quando si guarda indietro a varie parti della tua vita, si vede come la condizione della vostra coscienza cambia. E una delle cose che aiuta dipingere il quadro di un particolare periodo è la musica che si stava ascoltando. La scoperta di una band o un disco che si ama è semplicemente delizioso. E ‘davvero uno dei grandi doni della vita, perché non e’ solo ascoltare la musica – si diventa parte di essa “.

Valutiamo la sua lista delle  “10 canzoni che hanno cambiato la sua vita”:
” Vai osserva che le sue scelte possono variare di settimana in settimana. “Ci sono così tanti dischi che hanno avuto un impatto su di me per tanti motivi diversi.

 

Original Motion Picture Soundtrack – West Side Story (1961)

 

Mi ha affascinato e mi ha travolto. Tutto quello che amo della musica viene catturata qui: melodia storica e canzoni, grandi testi, e l’energia che non si ferma mai. La storia è bella e hai dramma, commedia e danza. Cos’altro ti serve? Mi sembrava così perfetta per me.

“Penso che mi sono sempre sentito come un compositore, ma quando ho sentito West Side Story, ho detto, ‘Questo è tutto. Voglio essere un compositore ‘. E io avevo sei anni o qualcosa del genere. E ‘piuttosto notevole quando trovi un pezzo d’arte che fa per voi. Avete questo risveglio, questa realizzazione di dove sei diretto nella vita “.

 

La famiglia Partridge – La famiglia Partridge Album (1970)

 

 

“Avevo 10 o 11 anni, e in quel momento non c’erano video o qualsiasi cosa. Se ti piaceva la musica rock, non c’erano molte probabilità di vedere le tue band in TV. Ma improvvisamente, ci fu mostrata “La famiglia Partridge”, era una sorta-di Rock Band in TV ogni settimana. Ero innamorato.

“Danny Bonaduce suonava. Aveva circa la mia età. Suonava uno strumento a corde, e c’era uno strano cordone bianco e riccio che è andava nel suo amplificatore ( il cavetto dell’ampli ndr). Era tutto così incredibile per me. Ho pensato, ‘Se questo ragazzo poteva farlo, perché non posso farlo io? Perché non riesco a suonare la chitarra?

Led Zeppelin – Led Zeppelin II (1969)

 

 

“Mia sorella maggiore, Pam, ha avuto sempre grande gusto per la musica rock. Lei ascoltava sempre cose davvero interessanti, e attraverso di lei i ho conosciuto i Led Zeppelin II. Dal momento in cui solo di Jimmy Page su Heartbreaker suonava, capii che questo era tutto per me. La chitarra di Page e il canto di Robert Plant: totalmente preso.

“La verità è che potevo facilmente mettere i prossimi sei dischi dei Zeppelin in questa lista sarebbe sufficiente. Ma ci limiteremo a dire che  Led Zeppelin II qui e’come l’ancora per una grande risveglio nella mia profonda associazione con l’energia che viene dal rock. (notare come Vai utilizzi spesso il termine risveglio nel corso dell’intervista ndr)

“Mia sorella minore, Lillian, aveva una chitarra. Ho amato la chitarra, ma ho pensato che non l’avrei mai potuta suonare – mi sembrava troppo fredda priva di sentimento. Ma sentendo i Led Zeppelin ho cambiato idea, dissi tra me e me: ‘ho intenzione di suonare la chitarra, e questo è tutto.’ Ho comprato a cinque dollari una Teisco Del Rey da un amico, e ho iniziato a prendere lezioni da Joe [Satriani]. Avevo circa 12 o 13 anni allora.

 

I Mothers of Invention – Freak Out! (1966)

 

“C’è stato un grande magazzino chiamato Korvettes che era letteralmente a cinque minuti a piedi da casa mia. Quando ero abbastanza grande da attraversare Westbury Avenue da solo, ho iniziato ad andare da Korvettes e praticamente vivevo nel loro reparto di dischi. Non sapevo chi era Frank Zappa, al momento, anche se avevo sentito storie divertenti su di lui. Ho visto Freak Out! un giorno l’ho comprato – Ho comprato anche Machine Head di Deep Purple, anche, che potrebbe anche essere in questa lista.(Noi l’aggiungiamo vedi in fondo all’articolo ndr)

“Ho messo Freak Out! su, ed è stato come, ‘Wow …’ E ‘stato davvero diverso da Led Zeppelin o qualsiasi altra cosa stavo ascoltando. Non è nemmeno il mio preferito disco di Frank Zappa, ma è il primo che ho sentito – è mi ha fatto conoscere la sua musica.
“Quel momento della scoperta è così speciale – le porte si aprivano da sole – e la cosa bella è che può continuare ad accadere per tutta la tua vita. Non ho mai ascoltato Bob Dylan fino a poco tempo fa, e ora ho tutti i suoi dischi. E ‘come un nuovo tesoro quando si trova un artista che ci risuona dentro. Mi piace questa sensazione. “(Vai si riferisce all’ insegnamento sciamanico che gli oggetti sacri o dei libri cerchino te in un dato momento della vita e non il contrario, lui lo applica al disco di Bob Dylan.)

 

Jeff Beck – Blow by Blow (1975)

 

“Quando ho sentito quel disco, è stato come, ‘Uh-oh …’ E ‘stato bello come averla servita su un piatto d’argento. Jeff Beck è stato un maestro sullo strumento e lo è ancora. Egli continua ad evolversi, che è la cosa stupefacente che lo contraddistingue.
“Ascoltando pezzo dopo pezzo, sono rimasto colpito dalla profondità del suo fraseggio e il suo controllo di tono, e c’era il suo uso incredibile di dinamiche e articolazioni per creare una frase musicale con la chitarra. Era come guardare attraverso una finestra e poi improvvisamente poter uscire verso l’altro lato . O avere una luce accesa in una stanza come se ci fosse il sole. E ‘stato proprio così. ”

Alice Cooper – Billion Dollar Babies (1973)

 

 

“Questo è un altro disco in cui ci sono melodie storiche. Una delle grandi cose circa la vecchia band di Alice Cooper è che le canzoni sono solo incredibilmente potenti, fresche e melodiche, e il gioco di accordi di chitarra sono molto ispirati.

..” Billion Dollar Babies mi ha mandato fuori di testa. Sono diventato completamente ipnotizzato.”

“Alcuni anni più tardi, mio fratello Michal gioco’ a golf con Alice , e mio padre scrisse una lettera ad Alice. Mio padre era il ragazzo più cool; era così orgoglioso dei suoi figli. Così scrisse ad Alice di continuare a giocare a golf con mio fratello e che io ero un suo grande fan. I miei genitori erano davvero solidali. Penso che hanno appena pensato, ‘Steve ha trovato una passione. La musica è un po ‘pazza, ma va bene così. Non bisogna capirlo finché lui è felice. ” E’ un po ‘il mio modo di pensare oggi su alcune delle cose che i miei figli ascoltano”.

Igor Stravinsky – the rite of spring (1913)

 

“Si potrebbe anche dire che tutti i Balletti di Stravinskij – Petrushka, Firebird Suite e The rite of spring siano unici. Quando ho sentito questi parti musicali la mia mente era completamente bruciata. L’ho ascoltato forse migliaia di volte – tutti i balletti. Rappresentavano una forma di libertà creativa che avevano completamente cancellato tutti i rigidi confini che trovate nella stereotipata musica, specifica per quel genere.(sostanzialmente trovava nelle composizioni di Stravinsky una sorta di modifica della musica classica di allora ndr).

“Probabilmente non passa un mese che non ascolto Stravinsky – forse meno in questi giorni. Io non sono tanto nella musica classica tradizionale. Mi piace Mozart, Beethoven, Bach e tutto il resto. Mi piace anche roba che è imprevedibile e selvaggia, a patto che sia melodicamente, incredibilmente bella. Le melodie in balletti di Stravinskij sono da morire.”

Tom Waits – Mule Variations (1999)

 

 

“Ci sono altri dischi di Tom Waits che non mi piacciono , ma questo è il primo che ho sentito. Ecco una storia divertente: Quando ero con Dave Roth, ha parlato molto di Tom Waits. Pensava di essere fantastico. Ero d’accordo che io sapevo che Tom Waits lo fosse….. In quel periodo, c’era una band chiamata Bad English, e il loro cantante era John Waite.

“Ho pensato che fosse un buon cantante, ma per qualche motivo ho mischiato i cognomi. Quando la gente diceva Tom Waits pensavo a John Waite. Infine, sono stato ai Grammy e parlando con uno dei miei amici che erano degli snob sulla vera musica,uno di loro mi mi disse: ‘Hai sentito il nuovo disco di Tom Waits?’ Ho detto, ‘No, non l’ho fatto.’ va, ‘Devi comprarlo -. “Mule Variations”’ in quel momento che mi sono detto,c’e’ qualcosa che non va qui.’ Questo ragazzo non avrebbe mai parlare del cantante che era in tour con me, lo sai?(??)

“Sono andato in un negozio di dischi e ho visto questo cd di Tom Waits. Ho detto, ‘OK, non è il ragazzo che era in tour con me .’ Vorrei comprare 20 CD alla volta – mi piacerebbe tornare a casa, mettere uno , ascoltare e buttarne fuori alcuni; ‘Forse terrò questo …’ Alcuni di loro semplicemente non fanno per me pensai. Ma quando ho messo il cd di Tom Waits era come se si fosse fermato il tempo. Ero sbalordito. E ‘stato un altro di quei momenti incredibili, grato dove ci si sente come aver trovato un vero tesoro. È tuo, ed è nella vostra vita. Da quel momento, ho amato Tom Waits. Possiedo tutto il suo catalogo. ”

 

Strapping Young Lad – Alien (2003)

 

“Devin Townsend è solo genio. E ‘un uomo intenso, e il tutto sfocia nella sua musica, in particolare il materiale degli Strapping Young Lad. E ‘heavy come qualsiasi cosa che io non abbia mai sentito. C’è un’energia e un’intensità in esso che può venire solo da una persona ispirata, ma c’è anche una sensibilità melodica all’interno della pesantezza che crea questo tipo ultraterreno di metallo.

“E ‘difficile per ascoltare tutto il disco in una sola seduta – e’ impossibile. Per me, era la prima volta ho davvero sentito una vena artistica heavy metal veramente profonda. Devin ed io abbiamo lavorato insieme quando era molto giovane. Non aveva davvero scoperto se stesso ancora; era nel processo di esso (la scoperta di se stessi o in altre parole risveglio ndr). Credo che lavorare con me era fosse un antipasto per lui, in un certo senso. E lo ha portato a conoscere ciò che non voleva e quello che lui voleva. Credo che ha anche imparato ad utilizzare alcuni strumenti di produzione che ha continuato a usare nel tempo. E ‘solo un ispirato, artista straordinario. ”

 

Steve Vai – Passion and Warfare (1990)

 

“Questo è stato un album estremamente importante per me. Sperimentavo questo incredibile stato di libertà creativa, ma sapevo anche che c’era un pubblico adatto e che è stato come una liberazione.
Fammi sapere che posso fare la musica che voglio fare. Senza mai finire.
“Penso che tu fai la tua roba migliore quando si ottiene” fuori strada” e l’universo si espande attraverso di voi.
Si può fare solo che, essendo presenti nel momento. Un sacco di volte quando pensiamo di essere creativi, in quel momento sfuggente di cercare l’idea giusta, c’è un silenzio, (il silenzio non musicale ma interiore ndr) quasi come fosse un’ anticipazione, il non pensare per il sorgere dell’idea ispirata (il momento  no-mind chiamato cosi ‘ anche da Osho ndr). Viene da solo. Tu non sai nemmeno come si tratta, ma entra nella vostra mente. E ‘un pensiero ispirato, al contrario di un pensiero inquinato. E quando ciò accade, basta fare. Si crea.

Il capolavoro assoluto “For the love of God” tratto da” Passion e Warfare”:

 

“Ora, a volte ci vuole un sacco di coraggio per entrare in quella zona. La mente dice sempre cose che possono essere contrarie. Si sta giudicando se stessi e si tratta di essere critici. Si sta riempiendo la testa con le aspettative di grandezza e tutta quella roba. (parla del conflitto mentale da evitare alla base della ricerca dell’armonia ndr ). Questo è quello che dovresti  allontanare (come concetto), perché il vero, la creatività unica che ognuno di noi è in grado di avere accesso, è lì nel silenzio. ” (il silenzio che ancora una volta si riferisce Vai e’ quello alchemico, spirituale che si tramuta anche in quello musicale.)

Riteniamo quest’intervista profonda dal punto di vista non solo musicale ma ci fa capire come il lavoro su di se’ possa sfociare in opere d’arte. La musica indicata come fonte di ispirazione da Steve Vai  potrebbe non piacere ma di fatto e’ da notare la grande conoscenza e l’estensione del gusto.Vai ama le colonne sonore, la musica classica e quella più estrema. Questo perchè la musica non ha confini.

 

Musicaeanima

Seguici anche qui

Google+

 Facebook

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L’intervista originale

 

Annunci

5 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...