Prince: due anni dopo – i conti non tornano

Il 21 aprile ricorreva l’anniversario della scomparsa di Prince

Un assordante silenzio da parte del mondo della musica per questo artista storico scomparso in maniera tutt’altro che chiara

Risultati immagini per simboloPrince

Il simbolo di Prince

Rileviamo un totale disinteresse del music business  nel ricordare un artista di tale rilievo. Consideriamo Prince un personaggio creativo vero, che non aveva affatto problemi con la droga e si era schierato contro dei colossi e la sua coerenza l’ha portato alla morte.

 

I suoi ‘sbagli’

 

1) Prince odiava le majors discografiche;
2) Prince aveva fatto distruggere tutte le copie di un suo album prima del lancio (“The Black Album”);
3) Prince aveva adottato un simbolo per non dover rispettare i contratti-capestro;
4) Prince distribuiva nei circuiti che sfuggono alle major oppure REGALAVA il suo disco, con abbinamenti editoriali a riviste di settore;
5) Prince si dipingeva la scritta “SLAVE” (schiavo) sulla guancia;

Prince, con la parola “Slave”, scritta sul suo viso alla Rockefeller Plaza di New York il 9 luglio 1996.

6) Prince suonava praticamente ogni strumento musicale;
7) Prince ha centinaia di tracce inedite incise, suonate ed editate da lui stesso negli armadi di Paisley Park;
8) Prince non ha figli…non aveva eredi;
9) Attualmente non era sposato;
10) Prince era nella giusta età per morire: si diventa ancora un mito immortale a 57 anni;
11) I diritti di sfruttamento della sua immagine e delle sue opere dell’ingegno sono di proprietà delle majors del disco almeno per 90 anni (trust);
12) allo stesso modo sono i diritti di sfruttamento di ogni gadget, foto, t-shirt, portachiavi, cappellini…sono delle majors del disco americane;
13) Prince era sotto contratto-capestro con Warner Music dai suoi inizi, nel 1977, aveva appena 18 anni. Solo dopo l’Oscar con “Purple Rain” Prince fu capace di riportare parte del suo talento nella sua diretta titolarità. Fondò la Paisley Park ma la Warner si tenne tutta la distribuzione delle sue opere e la parte commerciale, di fatto entrando di forza nella sua società e dominandone il business. Attraverso Warners e parte della sua Joint venture, la Sony Records entro nell’affare e in Paisley Park. La tirannia contrattuale era così raddoppiata;
13) da quel momento cominciò la sua battaglia ancora più feroce contro il monopolio della Musica e dei Talenti. Eliminò il nome, sfuggendo ai contratti e si fece chiamare solo “Symbol”….e fu un bel colpo per la Warner che aveva tutti in contratti intestati a quel nome d’arte, poi “Squiggle” (scarabocchio) e poi ancora “the Artist Formerly Known as Prince” (“l’Artista una volta noto come Prince”);

14) quando George Michael si ammalò e definì in quell’occasione il suo contratto con Sony Music “una schiavitù professionale”, Prince gli fu accanto sostenendo con la sua esperienza la battaglia del cantante britannico;
15) Prince non riusciva ad uscire da questa trappola contrattuale e ne soffriva enormemente. Pensò allora di pubblicare una serie rapidissima di dischi, per uscire dal vincolo stabilito dal patto con le majors (evidentemente c’era un numero di LP stabilito per quantificare la durata del rapporto commerciale). Molti furono dei FLOPS voluti…a lui interessava che la sua Musica fosse di nuovo sua…
16) negli anni seguenti con la Warners che gli correva appresso a suon di avvocati, perchè rimanevano inosservate molte clausole contrattuali, Prince cominciò a pubblicare con piccole etichette e distributori..cambiandone di continuo;
17) dati gli scarsi successi (la distribuzione quella vera è nelle mani del monopolio e gli indipendenti non possono nulla contro quell’immenso stra-potere), Prince firmò un contratto con la NPG che in parte era posseduta da Warners, anche per fermare le decine di cause che gli erano state mosse;
18) nel frattempo Prince “disobbediva” ancora pubblicando tracce che vendeva online a privati, tranne poi chiudere gli account di download dopo poche settimane e firmando accordi con il giornale “The Mail on Sunday” per la distribuzione GRATUITA dei suoi dischi tramite abbinamento editoriale. Il prezzo per scaricare la sua musica dai suoi account era volontario…c’era scritto “Pay what you like” (“Paga quanto desideri”);
19) Prince voleva indietro la sua Arte da chi se ne era impossessato senza diritto e per scopo di PURO LUCRO…Cominciò così la sua battaglia contro Internet…Denunciò YouTube ogni qual volta permetteva ad un utente di caricare un suo video live o una traccia dei suoi album…oggi ne restano solo una decina si e no…girati col cellulare…o molto datati. Lo stesso fece con ITunes e con altre piattaforme di distribuzione a pagamento di musica;
20) Prince era un GENIO EROICO e il suo TALENTO era solo SUO!

 

Prince aveva dato dei motivi sufficienti per essere ucciso?

 

Musicaeanima.com

Seguici anche qui

 

 Facebook

 

Annunci

5 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...