Artisti scomparsi

Il caso di Richey James Edwards: l’anima sottile dei Manic Street Preachers, i nuovi risvolti

La famiglia di Richey Edwards trova “nuove prove vitali” per il ritrovamento dell’estroso cantante

“Questo cambia tutto”

 

 


La famiglia del chitarrista e paroliere dei Manic Street Preachers scomparso Richey Edwards ha rivelato di aver svelato “nuove prove vitali” nella sua scomparsa.

Edwards è scomparso all’Embassy Hotel nel centro di Londra il 1 ° febbraio 1995 all’età di 27 anni. La sua auto è stata trovata vicino al Ponte di Severn poco dopo. È stato dichiarato ufficialmente “presumibilmente morto” nel 2008, sebbene ci siano stati una serie di presunti avvistamenti del chitarrista in tutto il mondo dalla sua scomparsa. Aveva sofferto una lunga battaglia con la depressione. Sua sorella Rachel Elias ha continuato a fare campagne a favore delle persone scomparse nella sua ricerca di Edwards. Ora, afferma che le nuove prove hanno portato la verità sulla sua posizione.

“Ci hanno detto che Richard ha attraversato il ponte alle 2:55 pm”, ha detto a ITV. “E abbiamo la ricevuta del casello che dice 2:55. Così siamo stati indotti a credere che ci fosse una finestra di otto ore tra il suo tempo di partire dall’hotel per attraversare il Ponte nello stesso giorno. “Ma da allora è venuto alla luce rintracciando la persona che sono passate con le macchine [del tempo di registrazione del ponte] e facendo indagini”.

 

Ha continuato: “Quindi stavamo facendo appello alle persone per averlo visto in certe ore quel giorno, quando in realtà quei tempi non hanno più senso ora. “Speriamo che stabilisca una nuova linea di inchiesta perché è un’informazione vitale che cambia tutto e capovolge tutto e deve essere nuovamente esaminata”.
Rachel ha anche lavorato con The Missing People’s Choir – che di recente è entrato in Britain’s Got Talent. “Il 22 dicembre mio fratello avrebbe compiuto 50 anni, quindi è passato un altro compleanno importante”, ha detto in un’intervista l’anno scorso per celebrare quello che sarebbe stato il suo cinquantesimo compleanno. “Non sappiamo dove sia.” Parlando del suo lavoro con il coro, ha continuato: “Il potere della musica è stato benefico. Non abbiamo mai pensato che avremmo generato così tanto interesse e consapevolezza.

” L’ultima incisione di Edwards è stata il capolavoro del 1994 di Manics “The Holy Bible”, anche se in seguito hanno rivisitato i testi che ha lasciato per l’acclamato “Journal For Plague Lovers” del 2009.

Richey è stata l’ennesima del club dei 27?

Musicaeanima.com

Seguici anche qui

 

 Facebook

Fonte

2 commenti

  1. I Manics mi piacciono molto, sono un loro estimatore da sempre.
    Si dice che a Cardiff, città natale di Edwards si mormori che lui sia in un kibbutz in Israele e che non voglia saperne di farsi trovare, e che avesse una zia che come lui decise di scomparire ad un certo punto della sua vita perché voleva stare da sola e non essere più cercata.
    Insomma una “caratteristica” di famiglia.
    Depistaggio? Può essere, fatto sta che questa storia delle rockstar morte tutte a 27 anni non regge davvero più così cone viene narrata.

    La domanda da farsi però è sempre “cui prodest”? Chi ci avrebbe guadagnato dalla scomparsa di Edwards?
    Tante domande insolute perché nel suo caso nemmeno io sono mai riuscito a capire cosa potesse esserci sotto, non sono mai riuscito a scoprire granché nella sua storia/vita.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...