Freddie Mercury e l’intossicazione da AZT parte II

Freddie Mercury morì per AIDS o per il farmaco che in teoria avrebbe dovuto curarlo, l’AZT?

 

Il farmaco AZT era letale, molti giornalisti e scienziati hanno ricercato la verità dimostrando la letalità di quella medicina

 

Riprendiamo l’articolo qui la prima parte

 

azt5

 

In una fredda giornata di gennaio del 1987, all’interno di una delle sale riunioni illuminate del mostruoso edificio della FDA, una giuria di 11 medici malati di AIDS ha meditato su una decisione molto difficile. La FDA gli aveva chiesto di prendere in considerazione l’idea di dare una rapida approvazione a una droga altamente tossica su cui c’erano pochissime informazioni. Clinicamente chiamata Zidovudina, ma soprannominata AZT dopo i suoi componenti, si diceva che il farmaco avesse mostrato un effetto drammatico sulla sopravvivenza dei pazienti affetti da AIDS. Lo studio che aveva riunito la commissione aveva messo in ginocchio la comunità medica. Era il primo barlume di speranza: le persone morivano molto più velocemente sul placebo che sulla droga.

Ma c’erano tremende preoccupazioni riguardo al nuovo farmaco. In realtà era stato sviluppato un quarto di secolo prima come chemioterapia del cancro, ma era stato accantonato e dimenticato perché era così tossico, molto costoso da produrre e totalmente inefficace contro il cancro. Potente, ma non specifico, il farmaco non era selettivo nella sua distruzione cellulare.

Le compagnie farmaceutiche di tutto il mondo stavano setacciando centinaia di composti in corsa per trovare una cura, o almeno un trattamento, per l’AIDS. Burroughs Wellcome, una sussidiaria di Wellcome, una compagnia farmaceutica britannica, è emersa come vincitrice. Per caso, hanno inviato al National Cancer Institute un farmaco per il cancro fallito, noto come Compound S, insieme a molti altri per vedere se potesse uccidere il drago dell’AIDS, l’HIV. Almeno nella provetta, lo ha fatto. All’incontro, c’è stata molta incertezza e disagio con l’AZT. I dottori che erano stati consultati sapevano che lo studio era difettoso e che gli effetti a lungo raggio erano completamente sconosciuti. Ma il pubblico era quasi letteralmente abbaiato alla porta. Comprensibilmente, c’è stata un’immensa pressione sulla FDA per approvare l’AZT, considerando il clima di paura e rabbia tutto intorno. *

Tutti erano preoccupati per questo. Approvarlo, ha detto Ellen Cooper, un direttore della FDA, rappresenterebbe un “significativo e potenzialmente pericoloso allontanamento dai nostri normali requisiti di tossicologia”. Poco prima di approvare il farmaco, un medico sul pannello, Calvin Kunin, ha riassunto il loro dilemma. “Da una parte”, ha detto, “negare una droga che riduca la mortalità in una popolazione come questa sarebbe inappropriata. D’altra parte, usare ampiamente questo farmaco, per aree in cui l’efficacia non è stata dimostrata, con un agente potenzialmente tossico, potrebbe essere disastroso “.

“Non sappiamo cosa succederà tra un anno”, ha dichiarato il presidente del panel, il dott. Itzhak Brook. “I dati sono troppo prematuri e le statistiche non sono davvero ben fatte. Il farmaco potrebbe essere davvero dannoso. “Un po ‘più tardi, ha detto di essere anche” colpito dal fatto che l’AZT non ferma le morti. Anche quelli che sono passati all’AZT continuano a morire “.

“Sono d’accordo con te”, ha risposto un altro membro del panel, “ci sono così tante incognite. Una volta che un farmaco è stato approvato, non si può dire come possa essere abusato. Non c’è modo di tornare indietro. “Burroughs Wellcome ha rassicurato il gruppo sul fatto che avrebbero fornito dati dettagliati sul follow-up a due anni e che non avrebbero permesso al farmaco di uscire dai suoi parametri previsti: come misura tampone per pazienti molto malati.

Il dottor Brook non fu conquistato dalla promessa. “Se lo approvassimo oggi, non ci saranno molti dati. Ci sarà una promessa di dati “, ha predetto,” ma poi la produzione di dati sarà ostacolata “. Il voto di Brook è stato l’unico a scontrarsi con l’approvazione.

“Non c’erano abbastanza dati, non abbastanza follow-up”, ricorda Brook. “Molte delle domande che abbiamo posto alla società hanno ricevuto risposta,” Non abbiamo ancora analizzato i dati “o” Non lo sappiamo. “Ho sentito che c’erano alcuni dati promettenti, ma ero molto preoccupato per il prezzo pagato per questo. Gli effetti collaterali erano molto gravi. Era la chemioterapia. I pazienti avrebbero avuto bisogno di trasfusioni di sangue, questo è molto serio. ”

“Il comitato tendeva ad essere d’accordo con me”, dice Brook, “che dovremmo aspettare un po ‘, essere più cauti. Ma una volta che la FDA si è resa conto che intendevamo rigettarla, hanno applicato pressioni politiche. Verso le 4 del pomeriggio, il capo del Centro per la droga e la biologia della FDA chiese il permesso di parlare, il che è estremamente insolito. Di solito ci lasciano soli. Ma lui ci ha detto: “Guarda, se approvi la droga, possiamo assicurarti che lavoreremo insieme a Burroughs Wellcome e ci assicureremo che la droga venga somministrata alle persone giuste.” Era come dire “per favore fallo”. ”

Brad Stone, addetto stampa della FDA, era in quella riunione. Dice di non ricordare quel particolare discorso, ma che non c’è nulla di “insolito” nei confronti dei funzionari della FDA che fanno tali discorsi in riunioni consultive. “Non c’era alcuna pressione politica”, dice. “Le persone in quell’incontro hanno approvato il farmaco perché i dati prodotti dalla società hanno dimostrato che si trattava di prolungare la vita. Certo era tossico, ma hanno concluso che i benefici superano chiaramente i rischi. “L’incontro si è concluso. L’AZT, che molti membri del gruppo si sentivano ancora a disagio e temevano potesse essere una bomba a tempo, fu approvato.

 

Flash forward: 17 agosto 1989. I giornali su tutto il territorio americano hanno sottolineato che l’AZT è stato “dimostrato efficace nei pazienti con anticorpi HIV positivi, asintomatici e primi ARC”, anche se una delle preoccupazioni principali del panel era che il farmaco può essere utilizzato solo in uno scenario per pazienti con AIDS grave in condizioni critiche, a causa dell’estrema tossicità del farmaco. Il dottor Anthony Fauci, capo del National Institutes of Health (NIH), stava ora spingendo per espandere la prescrizione.

La preoccupazione tradizionale della FDA era stata gettata al vento. Già la droga si era diffusa in 60 paesi e si stima che 20.000 persone. Non solo le nuove prove non hanno dissipato le preoccupazioni iniziali del gruppo, ma i dati di follow-up, come previsto dal dott. Brook, erano caduti nel dimenticatoio. Gli effetti benefici del farmaco si sono dimostrati temporanei. La tossicità, tuttavia, è rimasta la stessa.

La maggior parte di coloro che vivono nelle comunità colpite dall’AIDS e nella medicina hanno considerato la droga come il primo passo avanti sull’AIDS. Nel bene e nel male, l’AZT era stato approvato più velocemente di qualsiasi altro farmaco nella storia della FDA, e gli attivisti lo consideravano una vittoria. Il prezzo pagato per la vittoria, tuttavia, è stato che quasi tutti i test di droga governativi, da allora in poi, si sono concentrati sull’AZT – mentre oltre 100 altri farmaci promettenti non sono stati indagati.

Burroughs La scorta di Wellcome è passata attraverso il tetto quando è stato fatto l’annuncio. Ad un prezzo di $ 8.000 per paziente all’anno (escluso il lavoro sul sangue e le trasfusioni), l’AZT è il farmaco più costoso mai commercializzato. I profitti lordi di Burroughs Wellcome per il prossimo anno sono stimati a $ 230 milioni. Gli analisti del mercato azionario prevedono che Burroughs Wellcome potrebbe vendere fino a 2 miliardi di dollari di AZT, con il marchio Retrovir, ogni anno entro la metà degli anni ’90 – facendo corrispondere le vendite totali di Burroughs Wellcome per tutti i suoi prodotti lo scorso anno.

“L’AZT fa qualcosa? Sì, lo fa. Ma l’evidenza che faccia qualcosa contro l’HIV non c’è davvero “.

L’AZT è l’unico farmaco antiretrovirale che ha ricevuto l’approvazione della FDA per il trattamento dell’AIDS da quando l’epidemia è iniziata dieci anni fa, e la decisione di approvarla era basata su un singolo studio che è stato a lungo dichiarato non valido. Lo studio doveva essere uno “studio in doppio cieco controllato con placebo”, l’unico tipo di studio che può effettivamente dimostrare se un farmaco funziona o no. In questo studio, né il paziente né il medico dovrebbero sapere se il paziente sta assumendo il farmaco o un placebo. Nel caso dell’AZT, lo studio è diventato aperto su tutti i lati, dopo poche settimane.

Entrambe le parti hanno contribuito a svelare. È diventato ovvio per i medici che stavano ottenendo ciò perché l’AZT causa effetti collaterali così gravi che l’AIDS di per sé non fa. Inoltre, un conteggio ematico di routine noto come CMV, che mostra chiaramente chi si trova sul farmaco e chi no, non è stato segnalato nei rapporti. Entrambi questi fatti sono stati accettati e confermati sia dalla FDA che da Burroughs Wellcome, che ha condotto lo studio.

Molti dei pazienti sottoposti al processo hanno ammesso di aver analizzato le loro capsule per scoprire se stavano assumendo il farmaco. Se non lo fossero, alcuni comprarono la droga sul mercato sotterraneo. Inoltre, le pillole dovevano essere indistinguibili dal gusto, ma non lo erano. Anche se questo è stato corretto all’inizio, il danno era già stato fatto. Ci sono state anche segnalazioni che i pazienti stavano riunendo pillole per solidarietà tra loro. Lo studio era talmente viziato che le sue conclusioni devono essere considerate, secondo gli standard scientifici più basilari, non dimostrate.

Il problema più serio con lo studio originale, tuttavia, è che non è mai stato completato. Diciassette settimane nello studio, quando più pazienti erano deceduti nel gruppo placebo, lo studio fu interrotto, cinque mesi prima, per ragioni “etiche”: era considerato non etico continuare a dare alla gente un placebo quando il farmaco poteva tenerli in vita più a lungo. Poiché lo studio è stato interrotto brevemente e tutti i soggetti sono stati inseriti in AZT, nessuno studio scientifico può mai essere condotto per dimostrare in modo inequivocabile se l’AZT prolunga la vita.

Il dott. Brook, che ha votato contro l’approvazione, ha avvertito nel momento in cui l’AZT, essendo l’unico farmaco disponibile per i medici a prescrivere pazienti affetti da AIDS, avrebbe probabilmente un effetto collaterale. Approvarlo prematuramente, ha detto, sarebbe come “lasciar uscire il genio dalla bottiglia”.

Brook ha sottolineato che dal momento che il farmaco è una forma di chemioterapia, dovrebbe essere prescritto solo da medici che hanno esperienza con farmaci chemioterapici. A causa dell’effetto tossico più grave dell’AZT, la deplezione delle cellule del midollo osseo, i pazienti avrebbero bisogno di frequenti trasfusioni di sangue. Come è accaduto, l’AZT è stato prescritto con urgenza non appena è stato rilasciato, ben oltre i suoi presunti parametri. Lo scenario peggiore si era avverato: i medici intervistati dal New York Times nel 1987 hanno rivelato che stavano già somministrando l’AZT a persone sane che erano risultate positive agli anticorpi anti-HIV.

La funzione della FDA è di valutare l’efficacia di un farmaco contro i suoi potenziali rischi. L’equazione è semplice e ovvia: un farmaco deve riparare indiscutibilmente più di quanto non danneggi, altrimenti il ​​farmaco stesso può causare più danni rispetto alla malattia che si suppone combatta. Esattamente quello che molti medici e scienziati temono sta accadendo con AZT.

“Io personalmente non prescrivo l’AZT. Ho continuato a sperimentare che le persone vivono più a lungo che non ci sono. ”

L’AZT è stato individuato tra centinaia di composti quando il Dr. Sam Broder, capo del National Cancer Institute (NCI), ha scoperto che “inibiva la replicazione virale dell’HIV in vitro”. L’AIDS è considerato una condizione di soppressione immunitaria causata dal virus dell’HIV replicandosi e mangiandosi nelle cellule T-4, che sono essenziali per il sistema immunitario. L’HIV è un retrovirus che contiene un enzima chiamato trascrittasi inversa che converte l’RNA virale in DNA. Si è pensato che l’AZT funzionasse interrompendo questa sintesi del DNA, bloccando così l’ulteriore replicazione del virus.

Mentre era sempre noto che il farmaco era estremamente tossico, il primo studio concludeva che “il rapporto rischio / beneficio era favorevole al paziente”.

Nello studio che ha ottenuto l’approvazione della FDA per l’AZT, il fatto che ha influenzato la giuria è che il gruppo AZT è sopravvissuto al gruppo del placebo da ciò che sembrava essere una frana. La carta asso dello studio, quella che cancellava il problema dell’enorme tossicità del farmaco, era che 19 persone erano morte nel gruppo placebo e solo una nel gruppo AZT. Anche i pazienti con AZT mostravano una minore incidenza di infezioni opportunistiche.

Mentre questi dati sfalsavano il pannello che approvava il farmaco, altri scienziati insistettero sul fatto che non significava nulla – perché era raccolto in modo così squallido, e a causa dello sbiadimento. Poco dopo che lo studio è stato interrotto, il tasso di mortalità è accelerato nel gruppo AZT. “Non c’è stata grande differenza dopo un po ‘”, afferma il dottor Brook, “tra il gruppo trattato e quello non trattato”.

“Quel studio è stato fatto in modo così superficiale che non significava molto”, afferma il dottor Joseph Sonnabend, uno dei principali medici dell’AIDS di New York. Il Dr. Harvey Bialy, redattore scientifico della rivista Biotechnology, è sbalordito dalla scarsa qualità della scienza che circonda la ricerca sull’AIDS. Alla domanda se avesse visto qualche prova delle affermazioni fatte per l’AZT, che “prolungasse la vita” nei pazienti affetti da AIDS, Bialy disse: “No, non ho visto uno studio pubblicato che sia rigorosamente fatto, analizzato e riferito oggettivamente”.

Bialy, che è anche un biologo molecolare, è inorridito dall’uso diffuso dell’AZT, non solo perché è tossico, ma perché, insiste, le affermazioni su cui si basa il suo uso diffuso sono false. “Non vedo come questa droga possa fare qualcosa di diverso dal fare ammalare la gente”, dice.

 

Fonte

 

[Questa storia è stata originariamente pubblicata nel numero di novembre 1989 di SPIN. In onore del 30 ° anniversario di SPIN, abbiamo ripubblicato questo pezzo come parte della nostra serie “30 Years, 30 Stories” in corso.]

 

Fonte traduzione autormatica

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...