U2 -l’insospettabile copertina di ‘Boy’

Come abbiamo potuto ignorare per così tanto tempo un così chiaro segnale da parte di Bono e la band?

 

Bambini nudi e spaventati ecco cosa rappresentavano, il codice pizzagate esposto davanti a tutti nella copertina di BOY!

 

boy3

 

boy2

 

boy4

 

boy1

 

 

 

 

 

Dedicato a tutti quelli che ostinatamente dichiarano che ” Bono solo “nell’ultimo periodo” sia stato corrotto”.

BOY uscito il 20 ottobre 1980.

 

 

Musicaeanima.com

 

Seguici anche qui

 Facebook

 

 

5 Thoughts

  1. Esporre bambini e bambine é una cosa che non mi é mai piaciuta e questo ne é una conferma. Non capisco perché uno dovrebbe ostentare queste cose. Per delirio di onnipotenza del tipo posso fare quello che voglio? Per una caccia topo con il gatto rispetto alle autorità ed alla legge? Come richiesta di aiuto medico? A me gli U2 non sono mai piaciuti anche se 2 pezzi confesso che li strimpellavo con il gruppo (per seguire gusti altrui) . Non é che scopriamo che ascoltate con il backmasking contengono qualche messaggio?

    "Mi piace"

    1. Purtroppo dopo Epstein stiamo scoprendo i loro codici (tra pedofili). I bambini della copertina se si nota sono nudi, spaventati e nell’ultima ha un atteggiamento sensuale. Dal 1980 riteniamo si è iniziato a mandare dei codici nascosti di questa natura. Gli U2 non sappiamo, Bono Vox è fortemente coinvolto dalla cricca di Epstein.

      "Mi piace"

  2. Bono è solo un prodotto del sistema come tutti gli altri. Ho passato da un pezzo l’età in cui mi entusiasmavo per un nuovo disco delle mie band o cantautori preferiti, e ho capito che se molti gruppi o cantanti singoli fanno più successo di altri -che hanno molto più talento di loro peraltro – è perché vengono usati per sdoganare nuove sottoculture e consumo di certe droghe. È il caso del club 27, dei Beatles-Lennon, e di tutti gli altri con rarissime eccezioni mi duole dire.
    Sono stati loro i fautori del cambiamento della società attraverso le mode giovanili, insieme agli influencer di oggi.
    Questa gente non è chi dice di essere e parliamoci chiaro, non abbiamo mai visto un loro atto di nascita per cui prendiamo per “bono” (il gioco di parole ci voleva) il nome vero o finto che ci forniscono. Si dice che Paul McCartney abbia un gemello (il vero Paul, e in effetti foto degli anni 60 e 70 di Paul non collimano, la differenza si nota eccome) che poi è uscito di scena, e si sono inventati la storiella di “Paul is dead” per depistare.

    Non mi stupisco più di nulla ormai.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...