Consigli per gli acquisti

Nuove Uscite- Fates Warning ‘Long Day Good Night’

La classe di "Long Day Good Night" tredicesimo album del quintetto americano

‘Long Day Good Night’ – il ritorno dei maestri

 Le radici della band nel progressive sono sempre a livelli eccelsi

 

 

L’argomento di oggi potrebbe essere questo: puoi davvero definirti un fan del progressive metal se non ti piacciono o non hai mai veramente ascoltato i Fates Warning almeno una volta? Tuttavia, pongo la domanda semplicemente perché i Fates Warning sono senza dubbio un’istituzione nel mondo del progressive metal. Per oltre tre decenni, hanno contribuito a plasmare il genere che tanti di noi amano e hanno amato per molti anni. Naturalmente quindi, è sempre un giorno emozionante quando un nuovo album è in arrivo dai pesi massimi degli Stati Uniti. “Long Day Good Night” è il nome dato al tredicesimo album del quintetto sin dal loro inizio nel 1982. I fan avranno naturalmente i loro album preferiti e sarebbe quasi impossibile se non fosse così. Tuttavia, penso che possiamo essere tutti d’accordo sul fatto che il loro fascino e la loro longevità dipendono dal fatto che sono una band incredibilmente talentuosa con una soglia di qualità generalmente alta. Personalmente, tengo in grande considerazione ‘Disconnected’ e ‘A Pleasant Shade Of Grey’, ma allo stesso modo, ho sentito che anche ‘Theories Of Flight’ (2016) è stato impressionante, dimostrando che sono lontani dalle ceneri sulle glorie passate .

Allora che dire di “Long Day Good Night”?

Come con molti dei loro dischi nel corso degli anni, questa nuova opera, che si estende su 13 tracce e ben 72 minuti, è un vero e proprio must. Se sei come me e hai bisogno di diversi giri prima di dare un giudizio corretto, probabilmente sentirai inizialmente lampi di brillantezza, ma tieni duro su qualsiasi dichiarazione. In effetti, se avessi scritto questa recensione dopo un paio di giri, il punteggio sarebbe stato facilmente inferiore di un terzo rispetto a oggi. Come tutta la buona musica progressiva sofisticata, ha bisogno di tempo e attenzione. Stilisticamente, si trova su una serie di loro precedenti uscite, dall’atmosfera di “Disconnected” (a conti fatti, probabilmente il mio album FW preferito), alla pesantezza e allo scricchiolio delle loro uscite più recenti. Curiosamente, incorpora anche alcune nuove idee e stili, solo per mantenere le cose il più fresche possibile. In sostanza, è il culmine di tutto ciò in cui la band è brava e per cui è conosciuta, oltre a qualcosa in più.

Inutile dire che tutte le prestazioni qui sono strette, precise e fuori dal cassetto. Tuttavia, una menzione speciale deve andare a Ray Alder. È stato un giorno triste quando si è separato da Redemption, ma sentirlo in questo tipo di forma in un disco di Fates Warning, è stata (dice a denti stretti ea malincuore) forse la decisione migliore. La passione, la gamma, il potere e l’emozione; sono tutti qui e portano la musica, in gran parte co-scritta con il chitarrista originale Jim Matheos, ad un livello completamente nuovo.

La traccia di apertura, “The Destination Onward”, è una canzone mostruosa, una specie di traccia di Fates classica che ha inizi incredibilmente umili, fatta di suoni che sembrano sbirciare provvisoriamente da sotto le crepe. Le note di chitarra distorte sono fantastiche, così come la voce di apertura di Ray Alder. La canzone si costruisce lentamente e in modo sicuro, con sempre più strumenti che entrano gradualmente nella mischia. Il rombo dei bassi è incredibile, la batteria piena di colpi precisi, il tutto reso cristallino da una super produzione. Una volta che la canzone inizia, diventa subito sotto la pelle, fluendo e fluendo senza intoppi, introducendo grandi riff e melodie insidiose che non senti davvero fino a quando non è troppo tardi e hanno fatto il loro danno. Lo sfarzo è anche lì per tutti da ascoltare, dagli eloquenti assoli di chitarra solista, alle percussioni abili e tutto il resto. Nel complesso, è un ottimo inizio per il record.

Al contrario, “Shuttered World” è una composizione più dura e veloce, che trasporta un groove contagioso e un ritornello orecchiabile da morire, che è stato facilmente uno dei pochi momenti salienti emersi dal primo ascolto. “Alone We Walk” è un avvertimento del destino per il loro ritmo pesante e potente che vanta un ritornello sempre più orecchiabile ad ogni ascolto che passa, per non parlare del groove più irresistibile.

Quello che mi piace particolarmente di questo album, come ho accennato in precedenza, è la varietà che la band è in grado di offrire in “Long Day Good Night”. Non è in alcun modo un affare unidimensionale, ma allora quando mai è stato un album dei Fates? “The Way Home” presenta un’introduzione meravigliosamente fragile, probabilmente la parte più emozionante dell’intero album. Tanta classe come oro puro qui e la sottigliezza della musica è ciò che migliora la performance, proprio come dovrebbe essere con una band di questa esperienza e talento.

Poi c’è “When Snow Falls”, un pezzo molto più minimalista con un tono più moderno, enfatizzato da un maggiore uso dell’elettronica, incluso un ritmo elettronico in alcuni punti. Vanta anche un’apparizione come ospite del batterista Gavin Harrison (Porcupine Tree / The Pineapple Thief). Per mescolare ulteriormente le cose, “Under The Sun” si apre con una ricca e rigogliosa introduzione di archi orchestrali, solo per svilupparsi in una canzone melodica guidata da una chitarra acustica, piena di emozioni e una certa dose di dramma. L’aggiunta della vera sezione degli archi, invece, è la ciliegina sulla torta.

“Begin Again”, uno dei miei preferiti in meno, va detto, inietta una spavalderia simile al blues, mentre “Glass Houses” è una composizione più breve e incisiva, con un ritornello orecchiabile relativamente istantaneo, molto più in voga nella mia strada.

“The Longest Shadow of the Day” è la traccia più lunga con oltre undici minuti ma è finita in un lampo. L’ intro è jazz e giocoso, con assoli di basso e chitarra che si inceppano sopra un ritmo pulsante con abbandono e vera libertà di espressione. Tuttavia, su una canzone di contrasti, la batteria secca e il riff muscolare competono per l’attenzione dell’ascoltatore con sezioni in cui la strumentazione si abbassa quasi completamente per lasciare solo una delicata chitarra acustica o voci sincere di Alder. Adoro gli accordi distorti grossi e risonanti che emergono fin troppo brevemente dai passaggi più introspettivi, anche se la vibrante linea di basso che la sostituisce è contagiosa. E l’ultimo esuberante solista di Matheos è folle. Questo disco chiude forse una carriera straordinaria, di una band lontana dai riflettori ma sempre capace di scrivere della musica di altissimo livello.

Tracklist

A1The Destination Onward
A2Shuttered World
A3Alone We Walk
B1Now Comes The Rain
B2The Way Home
B3Under The Sun
C1Scars
C2Begin Again
C3When Snow Falls
C4Liar
D1Glass Houses
D2The Longest Shadow Of The Day
D3The Last Song

Acquisto obbligatorio!

Musicaeanima.com

Seguici anche qui

Telegram

Supporta Musicaeanima

Musicaeanima ha come base un grande lavoro di ricerca. Da anni ci impegnamo a rendere fruibile un’informazione difficile da reperire nel mainstream. Se apprezzi il nostro lavoro e vuoi sostenerci, te ne saremo grati per utilizzarlo e migliorare sempre di più il sito. Grazie di cuore se ci sosterrai!

10,00 €

1 comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...