Musica ed Informazione

Anche Spotify comincia a censurare!

Oramai tutte le piattaforme si sono unificate come Spotify alla censura della 'disinformazione'

L’arte che offendeva il regime sovietico veniva inserita nella lista nera nel passato, oggi il gigante dello streaming Spotify sta censurando i testi delle canzoni che contengono “disinformazione”

Sì davvero. L’icona della musica Ian Brown ha rivelato che Spotify aveva cancellato la sua canzone anti-lockdown Little Seed Big Tree, che è stata originariamente rilasciata lo scorso settembre.

La canzone ha questo testo:

Masonic lockdown, in your hometown
Masonic lockdown, can you hear me now
From the top down, soul shock down
State shakedown, mass breakdown
Global orders, riding over borders
Get behind your doors for the new world order

Brown è stato una voce veemente contro il lockdown e i vaccini obbligatori, annunciando che si era rifiutato di essere l’headliner del festival Neighbourhood Weekender di Manchester perché gli organizzatori hanno indicato che la prova della vaccinazione COVID-19 potrebbe essere stata una condizione per l’ingresso.

L’ex frontman degli Stone Roses ha affermato: “Non cantero’ MAI a una folla che deve essere vaccinata come condizione per la presenza. MAI E POI MAI!”

“Spotify vieta i contenuti sulla piattaforma che promuovono contenuti pericolosi falsi, ingannevoli o fuorvianti su COVID-19 che possono causare danni offline e / o rappresentare una minaccia diretta per la salute pubblica. Quando viene identificato un contenuto che viola questo standard, viene rimosso dalla piattaforma “, ha detto a Reclaim The Net un portavoce di Spotify.

La pratica è un ulteriore sistema per uniformare tutti al pensiero unico assicurando che qualsiasi forma d’arte che trasporta un messaggio che offende le élite tecnocratiche sia inserita nella lista nera. Durante tutto il corso dell’impero sovietico, i dittatori imposero che il “realismo socialista” fosse lo stile prescritto di arte idealizzata. Ciò significava che ogni scultura, statua e dipinto doveva conformarsi a un’estetica consolidata al fine di “educare i cittadini su come essere sovietici perfetti”.

Al fine di rafforzare la lealtà al Partito Comunista e promuovere un’immagine utopica della società sovietica, “Lo scopo del realismo socialista era limitare la cultura popolare a una specifica fazione altamente regolamentata di espressione emotiva che promuoveva gli ideali sovietici”.

160321spotify1-768x403-1

Musicaeanima

Seguici anche qui

Telegram

Fonte

4 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...