Musica ed Informazione

Roger Daltrey e Pete Townshend degli The Who criticano il sistema

Non tutte le star sono colluse con il sistema, Roger Daltrey degli The Who, spara a zero sui ridicoli 'woke' durante un'intervista radiofonica

La leggenda degli Who, Roger Daltrey, (dal minuto 30.00 in poi inizia il suo intervento) dice che la generazione “woke” sta creando un mondo miserabile che sta soffocando il tipo di libertà creativa di cui godeva negli anni ’60. L’iconico frontman ha parlato durante una recente apparizione sul podcast Apple Music 1 di Zane Lowe.

“Non so dove ci condurra’ tutto questo, e’ così assurdo ora con l’intelligenza artificiale, tutti i trucchi che può fare e la generazione woke”, ha detto Daltrey.

“È terrificante, il mondo miserabile che creeranno per se stessi. Voglio dire, chiunque abbia vissuto una vita e vede quello che stanno facendo, sa che stanno andando nella direzione sbagliata “, ha aggiunto.

Il cantante ha notato come sia stato fortunato ad aver vissuto un’epoca in cui la libertà di parola era incoraggiata, non messa a tacere.

Daltrey ha anche criticato l’impatto negativo che i social media hanno avuto sul mondo, dicendo che hanno oscurato la verità.

“Diventa sempre più difficile diffondere la verità. È quasi come se ora dovessimo fare un passo indietro e smantellare tutti i social. Tornare alla carta stampata, al passaparola e ricominciare a leggere i libri “, ha detto.

Anche se i commenti di Daltrey non sono nulla di che, qualsiasi celebrità che parli contro la folla che sta cannibalizzato la cultura è qualcosa da applaudire visto e considerato come si comportano tutte le altre star in questo momento.

Ancora una volta, questo tende ad accadere solo con le celebrità più anziane che hanno già superato il loro picco di fama e sono entrate nello status di icona. Sono oltre la cancellazione.

Per qualsiasi celebrità emergente, o anche per chi è al top del proprio gioco, mettere in discussione “la generazione woke” è un suicidio professionale.

Il che rende ancora più ridicolo gli identitari, in particolare il movimento LGBT, continuare a sostenere che stanno “combattendo l’oppressione ” quando i loro mantra sono riecheggiati da ogni istituzione culturale, media ed entità aziendale in occidente, mentre chiunque tenti di dissentire viene rapidamente cancellato.

Collegati qui per ottenere la card gratuita del circuito Cashback

Musicaeanima.com

Seguici anche qui

Telegram

Fonte

Supporta Musicaeanima

Musicaeanima ha come base un grande lavoro di ricerca. Da anni ci impegniamo a rendere fruibile un’informazione difficile da reperire nel mainstream. Se apprezzi il nostro lavoro e vuoi sostenerci, te ne saremo grati per utilizzarlo e migliorare sempre di più il sito. Grazie di cuore se ci sosterrai!

10,00 €

1 comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...