Musica e controllo

Il cantante dei Verve rifiuta di suonare ad un Festival dove si entra con il pass sanitario

«Avevo informato il mio agente mesi fa che non avrei suonato in concerti con restrizioni. Lo status del festival era una cosa quando mi sono iscritto, ma purtroppo è stato costretto a diventare qualcos’altro»

Riporta una testata

Il cantante britannico Richard Ashcroft, noto come frontman del gruppo The Verve, ha annullato un’apparizione programmata ad un festival musicale dopo che gli organizzatori hanno deciso di inserire l’evento nell’Events Research Program del governo, ossia un circuito di eventi dove possono entrare solo coloro che esibiscono prova del fatto di essere stati doppiamente inoculati o siano risultati negativi al COVID.

Il partecipanti a questi eventi, comunque, devono poi presentarsi alle autorità sanitarie per un ulteriore monitoraggio del governo dopo il concerto.

Tutto questo era troppo per Ashcroft, che una volta resosi conto, si è immediatamente ritirato dal Tramlines Festival a Sheffield, in Inghilterra. Ashcroft ha fatto notare che egli si rifiuta di far parte di qualsiasi «esperimento governativo» o eventi che impongono restrizioni.

«Mi scuso con i miei fan per la delusione, ma il festival è stato informato più di 10 giorni fa che non avrei suonato una volta che fosse diventato parte di un programma di test del governo», ha scritto Ashcroft sui social media.

«Avevo informato il mio agente mesi fa che non avrei suonato in concerti con restrizioni. Lo status del festival era una cosa quando mi sono iscritto, ma purtroppo è stato costretto a diventare qualcos’altro», ha aggiunto il cantante.

Aschcroft ha inoltre messo in risalto il cortocircuito semantico: «deve essere una questione di età, ma le parole Government Experiment e Festival…». Il messaggio terminava con emoji di risate.

L’idea di concerti per i soli vaccinati era già partita nel 2020. Quella che sembrava una folle proposta ora è divenuta una triste realtà.

Come riportato da Renovatio 21, negli USA i concerti per soli vaccinati sono già realtà. Il mese scorso Foo Fighters, Strokes e Bruce Springsteen si sono esibiti in performance dove tutto il pubblico doveva aver subito l’iniezione di siero genico.

Non sono molti i musicisti di qualche fama che non si sono piegati alla psicopandemia e alle sue «leggi» non scritte – specie a quelle contrarie ad ogni Costituzione del mondo libero. Il panorama in Italia, abbiamo visto, è di tristezza assoluta: pensate al conformismo da vaccino e mascherina raccomandato da «artisti» come Vasco Rossi, etc.

Nel Regno Unito si registra invece qualche voce più libera. Come riportato da Renovatio 21, Eric Clapton ha potuto dire la sua tremenda esperienza con il vaccino anti-COVID, al quale ha avuto una reazione avversa.

Al contempo, libera è la voce del chitarrista degli Oasis Noel Gallagher, altra icona rock britannica che ha preso una posizione. Gallagher ha infatti dichiarato che la combinazione di cultura del politicamente corretto e i lockdown COVID hanno un significato generazionale molto preciso: per la prima volta nella storia moderna, i giovani ora avranno meno libertà rispetto alle generazioni precedenti.

#liberiaiconcerticomeliberineglistadi

Musicaeanima.com

Seguici anc°he qui

Telegram

Fonte

http://www.prezzoprotetto.it

1 comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...