Band Moderne Consigli per gli acquisti Thrash Metal

Nuove Uscite- Mordred ‘The Dark Parade’

'The Dark Parade' è il risultato di quell'iniziale espansione libera del metal unito ad oltre 20 anni di crescita musicale ed esperienze dei Mordred



Escludendo il loro terzo album per lo più debole, ‘The Next Room’, i Mordred è stato uno dei pochi a prendere gli ingredienti del thrash metal e del funk per costruire un paio di album superiori. ‘Fool’s Game’ del 1989 era un album thrash melodico, bizzarro e virtuosistico con un paio di brani funky (uno dei quali era una cover di “Super Freak”), mentre il seguito del 1991 ‘In This Life’ era una corsa sulle montagne russe. L’album era più oscuro, thrash metal intriso di groove funky eccentrici e una corrente sotterranea avant-garde. È stato Aaron “DJ Pause” Vaughn (tastiere/giradischi/campionatura) che ha portato le immagini, i suoni dell’industrializzazione e dell’urbanismo, mettendo sullo stesso piano del rock classico, dello skiffl ombroso , inquietanti influenze post-punk, fusion thrash ed un eroismo solista.

‘The Dark Parade’ è il risultato di quell’iniziale espansione libera del metal unita a oltre 20 anni di crescita musicale ed esperienze. In questi giorni, la formazione classica del sestetto della Bay Area rimane quasi del tutto intatta, con il batterista Jeff Gomes (ex MIRV, una delle band più strane che abbia mai sposato suoni heavy e funky). L’album è una bestia caricata frontalmente che si lancia fuori con una varietà di interpretazioni e aggiunte al thrash e metal che già conosciamo. “Demonic #7” galoppa come se fosse il 1988 con Vaughn che dimostra ulteriormente la sua importanza per la band al di là dello status di hype-man / cheerleader della maggior parte dei DJ in un ambiente rock. Sì, aggiunge lo scratching, che potrebbe essere un anatema per il metal, ma ci sono anche tutti i tipi di campioni, suoni e rumori sovrapposti sullo sfondo che aggiungono consistenza e profondità alla traccia che a sua volta avrebbe potuto essere tratta dagli outtakes di ‘In The Life’ .

“Malignancy” è un’ondata sonora completamente formata e multidirezionale che fa un uso senza soluzione di continuità di un ritornello preso in prestito da un Thin Lizzy, il cantante Scott Holderby. “I Am Charlie” intreccia un riff skank di Mustaine nel suo apice attorno a una raffica di campioni e graffia con accordi di basso prominenti che aprono le porte per un ritornello spettrale e discendente che sarebbe di casa negli annali dello speed metal americano. L’ingresso e l’uscita dalle sezioni soliste sono più thrashing della vecchia scuola con un moderno schiocco vocale e strati di chitarre sconcertanti. La title track è un altro mix di generi senza soluzione di continuità: pesantezza calliope anticonformista, melodie incantatrici di serpenti, luminosità della Bay Area con il fraseggio vocale di Holderby che lega uniformemente tutto insieme, specialmente durante gli otto centrali più disallineati. E, naturalmente, Danny White e Jim Sanguinetti continuano a brillare come sei traverse inattesi con fantastici lead accumulati su fantastici lead. Il back-end dell’album, tuttavia, vacilla. “All Eyes on the Prize” è milquetoast con un ritornello che suona troppo come gli Stuck Mojo per i gusti di qualsiasi persona sana di mente. “Dented Lives” è un riempitivo sottile e irrisorio e “Dragging for Bodies” funziona in vari gradi sul lato mosh ma la linea vocale spesso goffa geme e fa fatica a posizionare i testi. Ma ehi, tutto viene riscattato da “Smash Goes the Bottle” molto Lizzy. Riassumendo, questo disco si posiziona in un gradino intermedio della discografia ma c’è da ricordare che in pochissimi suonano queso genere veramente originale.


TRACKLIST

  1. Demonic #7
  2. Malignancy
  3. I Am Charlie
  4. Dragging for Bodies
  5. The Dark Parade
  6. All Eyes on the Prize
  7. Dented Lives
  8. Smash Goes the Bottle

Collegati qui

Consigliato da Musicaeanima.

Musicaeanima.com

Seguici anche qui

Telegram

Supporta Musicaeanima

Musicaeanima ha come base un grande lavoro di ricerca. Da anni ci impegniamo a rendere fruibile un’informazione difficile da reperire nel mainstream. Se apprezzi il nostro lavoro e vuoi sostenerci, te ne saremo grati per utilizzarlo e migliorare sempre di più il sito. Grazie di cuore se ci sosterrai!

10,00 €

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...