Nuove Uscite – Dream Theater ‘A view from the top of the world’

I Dream Theater hanno ceduto a una certa stagnazione creativa negli ultimi dieci anni. Certo, ci sono stati per molto tempo e hanno continuato a raccogliere più attenzioni e riconoscimenti mainstream. Tuttavia, è giusto dire che non sfidano o sorprendono più se stessi o il loro pubblico come prima. L’unica volta che l’hanno fatto veramente—The Astonishing del 2016—il loro LP più polarizzante da Falling into Infinity del 1997, sebbene A Dramatic Turn of Events del 2011 fosse facilmente superiore ai suoi due immediati predecessori, Distance Over Time del 2019, erano tutti notevolmente non memorabili. Proviamo a ricordarne un brano. Arriviamo con queste premesse al loro quindicesimo disco in studio, A View from the Top of the World che non corregge completamente questo problema prevalente. Parlando dal punto di vista della tecnica esecutiva è sempre sopra le righe tuttavia dobbiamo rilevare che i suoi numerosi momenti salienti, sia melodicamente che strumentalmente, lo rendono ‘stanco’. In altre parole, i devoti di vecchia data sapranno esattamente cosa stanno ascoltando.

A View from the Top of the World è il primo album del gruppo ad essere registrato nel loro studio ufficiale, DTHQ. Per quanto riguarda i temi e il titolo, LaBrie chiarisce che “l’intera faccenda è incentrata sull’idea di spingersi intenzionalmente al limite (come il modo in cui gli amanti del brivido vivono per la scarica di adrenalina di rischiare la vita per fare cose apparentemente impossibili).” Lungo la strada, toccano anche l’esplorazione interplanetaria, l’ansia paralizzante e “abbracciare il tuo lato oscuro . . . così puoi vivere la tua vita in modo più completo” (come dice Petrucci). Questi sono certamente alcuni argomenti intriganti da indagare e, come detto sopra, riescono a farcela con arrangiamenti rinfrescanti e agganci allettanti quanto basta per superare il suo predecessore.

Il più grande trionfo di A View from the Top of the World è la title track omonima di chiusura di oltre 20 minuti. Non è uguale a “A Change of Seasons” o “Six Degrees of Inner Turbulence”, ma evoca la loro fluidità e il loro fascino molto più di “Illumination Theory” del 2013. A partire dal mix standard dei Dream Theater di timbri metallici frenetici, corni vittoriosi e delicati strimpelli di arpa, il suo primo movimento è tipicamente travolgente e coinvolgente, con un ritornello che non può fare a meno di rimanere bloccato nella tua testa. La vera gemma del pezzo, tuttavia, è la fase successiva, in cui evocano la sublime orecchiabilità ed emozione della parte “Hopeless drifting / Bathing in beautiful agony” di “A Nightmare to Remember” da Black Clouds. LaBrie canta “Tutti i miei istinti naturali / Mi stanno pregando di fermarmi / Ma in qualche modo continuo / Verso la vetta” su una partitura classicamente trascendentale – decorata dal pianoforte di Rudess – ed è mozzafiato. È vero, il resto della traccia si snoda un po’ (ricordando la parte strumentale estesa di “The Count of Tuscany” dei Black Clouds), ma alla fine ritrova il suo ritmo, concludendo con una certa tensione iperattiva e catarsi che la cementa come un nuovo classico nell’arsenale della band.

In conclusione, A View from the Top of the World è un chiaro miglioramento di Distance Over Time – così come per i Dream Theater stessi– ma questo è tutto. Vale per gli stessi trucchi e le stesse tradizioni che i Dream Theater hanno scavato nel terreno ormai, ma lo fanno ancora eccezionalmente bene, con alcuni momenti davvero notevoli che si affiancano alle loro più grandi imprese nella memoria recente. Mentre A Dramatic Turn of Events resiste come il miglior disco dell’era Mangini (e The Astonishing merita applausi per essere così audace), A View from the Top of the World è almeno uno sguardo promettente sulla possibile rivitalizzazione futura dei Dream Theater. Qualche guizzo e la tecnica sopraffina lo rendono migliore di altri platter, qualche passaggio ha un effetto déjà vu ma nel complesso è un grande disco di tecnica progressive.


Musicaeanima.com

Seguici anche qui

Telegram

prezzoprotetto.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...