Nuove Uscite- Eldritch ‘Eos’

Apriamo il nuovo anno con un disco italiano di progressive metal

Sebbene il nome Eldritch possa essere quasi sconosciuto al metallaro medio, specialmente alle generazioni più giovani, è in realtà una delle band progressive metal più influenti e più antiche sulla scena heavy metal internazionale. È un enigma completo per noi che, nonostante la qualità elevata, questa band non abbia ottenuto molto di più. Tuttavia, questi italiani hanno alle spalle 11 album ufficiali e sono veterani del suono progressive metal dal 1991. Gli inizi risalgono al 1988 come band metal Zeus e nel 1995 questa band come Eldritch è salita alle vette della scena internazionale con l’album Seeds of rage. La formazione degli Eldritch è cambiata nel tempo, ma ogni musicista ha dato la sua impronta di incredibile qualità ad album che non hanno mai offerto luoghi comuni, in costante miglioramento e ricerca.

Abbiamo ascoltato l’album e abbiamo avuto impressioni molto positive. Gli Eldritch non hanno mai avuto una ricetta standard da ripetere di album in album, quindi questo platter trasuda anche freschezza e nuove idee. Innanzitutto la produzione di Eugene Simone, il principale cantautore e chitarrista della band, è impeccabile, perfetta. Ogni membro è il vero maestro del proprio strumento e la band funziona come una macchina senza interruzioni. L’intro Dead Blossom, sebbene nel mix futuristico orientato al sintetizzatore di Tangerine Dream, ELP o King Crimson e suono elettronico, dà l’impressione che la musica dell’album sarà colorata da melodia e dramma, e con le prime righe di Failure of Faith il macchinario inizia a funzionare a tutta velocità, tempo veloce, suono di chitarra aggressivo quasi thrash metal in stile Annihilator e occasionali atmosfere da Tangerine Dream o Genesis.

The Cry of A Nation ha un arrangiamento fantastico con abilità di batteria efficaci e perfette, tastiere e un po’ di suono di chitarra groovy porta davvero molti momenti inaspettati, turnaround improvvisi e inaspettati incredibilmente ben confezionati, ritmi strani e melodie parallele di tastiera e chitarra in certi momenti in la forma di una marcia. La sezione ritmica è inconfondibile. Particolarmente interessante è la voce di Terence Holler (Mario Tarantola), che ha un’enorme dose di originalità, soprattutto con il suo caratteristico vibrato, molto probabilmente “preso in prestito” dalla musica etnica caratteristica per alcune parti d’Italia (almeno è la mia impressione personale ), che contribuisce ulteriormente all’originalità (personalmente ho sempre amato quell’accento di carattere nella voce come Klaus Meine, Doro Pesch o Udo Dirkschneider proprio).

The Awful Closure, una canzone con un importante riff prog power metal, suono atmosferico e occasionali disarmonie intelligenti, belle melodie e lavoro di chitarra e il suono parallelo di assoli di chitarra e tastiera è il mio preferito. Si avrebbe la sensazione che Bon Jovi abbia suonato la stessa canzone in un moderno modo heavy metal, ed è incredibile quanto Terence abbia cantato questa canzone alla grande. Cover davvero perfetta, devo ammetterlo. Tutto sommato, EOS è un altro grande album degli ultimi 30 anni. Ha davvero portato molti nuovi elementi e un’ulteriore esplorazione del suono basandosi sui migliori momenti di alcuni gruppi di rock progressivo classico o art rock.

.

 

Tracklist

  1. DEAD BLOSSOM (INTRO)
  2. FAILURE OF FAITH
  3. THE CRY OF A NATION
  4. CIRCLES
  5. NO OBSCURITY
  6. SUNKEN DREAMS
  7. FEAR ME
  8. I CAN’T BELIEVE IT
  9. THE AWFUL CLOSURE
  10. EOS
  11. RUNAWAY (BON JOVI COVER)

Acquista originale, sostieni la musica.

Musicaeanima.com

Seguici anche qui

Telegram

3 commenti Aggiungi il tuo

  1. Pingback: Terza pagina | David News online
  2. Emanuela ha detto:

    Buongiorno, posso avere più delucidazioni sul post pubblicato di s. Bullock? Hot dog!!! Significa quello che penso io???? Grazie

    "Mi piace"

    1. Musicaeanima ha detto:

      Buongiorno, si è stata inserita da poco sul canale. Grazie per il suo commento

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...