Nuove Uscite- Megadeth ‘The Sick, The Dying… And The Dead’


Meno fumettistici degli Anthrax, più liricamente diretti dei Metallica e meno avvezzi all’esoterismo nero degli Slayer, i Megadeth rimangono meglio riassunti dal testo di Dave: “siamo ancora” noi le persone “, giusto?” È una qualità che è sopravvissuta e, sebbene la leggendaria bocca di Dave lo abbia messo nei guai a causa di un cancro, la sua onestà compulsiva lo distingue dai suoi coetanei più cauti, facendoti sentire come se fosse una delle poche rockstar con cui potresti sederti e parlare di musica o politica sapendo che ciò che vedi è ciò che ottieni. E così, via fino a The Sick, The Dying… And The Dead, il sedicesimo album attesissimo dei Megadeth. Naturalmente, l’album non è privo di polemiche. Le ricadute delle rivelazioni sulla condotta personale di Dave Ellefson e il successivo ritiro dalla band, hanno portato Dave a far registrare nuovamente le parti di Ellefson al bassista Steve Di Giorgio (Testament). Una decisione che ha sollevato le sopracciglia in alcuni ambienti, qualunque siano le tensioni che hanno contribuito alla partenza di Ellefson (obliquamente citata nella dichiarazione dei Megadeth), ha senso che Dave (e la band) cerchino una rottura netta, piuttosto che pubblicare un album con un membro con un’accusa penale così grave (Ellefson è stato accusato di detenere materiale pedopornografico).

In apertura con la title track, The Sick, The Dying… And The Dead si rifà (diciamolo piano) a Peace Sells… in termini sia di dinamica che di produzione. È un’apertura avvincente, ma molto diversa dal thrash all’avanguardia delle recenti offerte, che evoca in egual misura i classici dei Megadeth, quest’ultima influenza evidenziata negli assoli fluidi che attraversano la superficie del brano. Tuttavia, se la band era pronta a percorrere il percorso classico, Dave chiaramente non ha ricevuto il promemoria, perché Life In Hell esplode positivamente, la band aumentando sia l’aggressività che la velocità. Crea un potente uno-due e imposta l’asticella in alto per il resto dell’album. Fortunatamente, Dave non è mai stato uno che evita una sfida e così, in Night Stalkers, scava a fondo, scatenando una serie di assoli brucianti e poi, proprio quando pensavi che avesse raggiunto il picco, alza la posta lanciando Ice T nel mix.

Eppure, non abbiamo ancora finito. Nel corso di sei brutali minuti otteniamo intermezzi orchestrali, linee di basso sanguinose e un falso finale che ti lascia senza fiato: non commettere errori, Night Stalkers è un mini-capolavoro. Il commento oscuro è all’ordine del giorno in Dogs Of Chernobyl, ed è un momento da batticuore in cui il suono dei bambini che ridono è sovrapposto a una delle melodie più belle a cui Dave abbia mai dato il nome. Viene presto fatto a pezzi da un riff che avanza con precisione brutale, ma è la voce di Dave, lacerata dall’emozione, che cattura e trattiene l’attenzione sul brano. Traccia un po’ più debole, Sacrifice va bene, ma manca della potenza di quella che l’ha preceduta. È ancora pieno di assoli rocamboleschi, ovviamente, ma è eclissato da Junkie, una traccia con una splendida atmosfera da Ozzy e alcune percussioni di Dirk Verbeuren.

La cura delle immagini, della produzione, ha portato i Megadeth e il thrash in generale verso un’evoluzione culturale non più appartenente al circuito underground ma un fenomeno quasi catchy e questa cosa sinceramente ci piace.


Tracklist

01 – “The Sick, The Dying… And The Dead!”
02 – “Life In Hell”
03 – “Night Stalkers” (feat. Ice-T)
04 – “Dogs Of Chernobyl”
05 – “Sacrifice”
06 – “Junkie”
07 – “Psychopathy”
08 – “Killing Time”
09 – “Soldier On!”
10 – “Célebutante”
11 – “Mission To Mars”
12 – “We’ll Be Back”
13 – “Police Truck” (Dead Kennedys cover)
14 – “This Planet’s On Fire (Burn In Hell)” (Sammy Hagar cover) (feat. Sammy Hagar)

Collegati qui

Consigliato da Musicaeanima.

Musicaeanima.com

Seguici anche qui

Telegram

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...