Band Moderne Consigli per gli acquisti

Nuove Uscite – The Offspring ‘Let The Bad Times Roll’

Il ritorno di Brian “Dexter” Holland e gli Offspring vincente anche se tutto molto 'leggero'

Il ritorno a sorpresa degli Offspring- la recensione

Sono successe molte cose da quando i coraggiosi californiani hanno pubblicato il loro ultimo disco Days Go By nel 2012, con tutto, dall’incertezza dell’etichetta, ai problemi di formazione, alle successive lotte legali, a una pandemia globale e alla vita che si frappone. Considerando il fatto che il suo singolo principale Coming For You è uscito sei lunghi anni fa, la band sarebbe stata perdonata per aver pensato che il processo fosse destinato a fallire e aver rinunciato a queste canzoni mai pubblicate. Dopo quasi quattro decenni insieme, il frontman Dexter Holland e il chitarrista Noodles non hanno quasi bisogno di farlo.

Nonostante il loro successo commerciale spesso trascurato ma stupendo negli anni ’90 e nei primi anni 2000, la band punk più famosa è tornata per un altro round di sfida alle probabilità. Il produttore Bob Rock (Metallica, Bon Jovi) è tornato alla console per la terza volta e la prima impressione è che, nonostante le difficili circostanze del completamento del disco, più le cose sono cambiate, più sono rimaste le stesse. Il membro fondatore Greg K potrebbe essere stato estromesso al basso e sostituito dall’uomo degli H20 e dal chitarrista in tour Todd Morse. Mentre la corsa nervosa di This Is Not Utopia si affretta, The Offspring torna indietro negli anni, infuriando ampiamente contro la menzogna de ” Il sogno americano’. Allo stesso modo, la title-track abbina una melodia tipicamente sbarazzina con un umorismo doppiogiochista su quanto tutto sembri spazzatura, fluttuando abilmente tra la natura innatamente divertente della band e sparando missive pungenti. Fin qui tutto bene allora. Nonostante – o forse no – i loro anni che avanzano, The Offspring non mostra segni di rallentamento o di crescita con grazia. C’è uno schiocco e un morso su Behind Your Walls, mentre Army Of One sibila con un piacevole fuoco simile ai Dead Kennedys e Breaking These Bones mantiene l’intensità al giusto livello e ritmo. Da una parte i ‘vecchi’ Offspring non ci sono, nel senso che il vigore e la velocità di una volta è sparita. Dall’altra troviamo ancora quei ritornelli ‘catchy’ che appartegono solo ed esclusivamente a loro. Questo disco dividerà i fan ma a noi piace. L’aria dei ritornelli ci porta indietro nel tempo.

Tracklist

  1. This Is Not Utopia
  2. Let the Bad Times Roll
  3. Behind Your Walls
  4. Army of One
  5. Breaking These Bones
  6. Coming for You
  7. We Never Have Sex Anymore
  8. In the Hall of the Mountain King
  9. The Opioid Diaries
  10. Hassan Chop
  11. Gone Away
  12. Lullaby

Musicaeanima

Seguici anche qui

Telegram

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...